pentola pietra ollare
pentola pietra ollare

Pentola pietra ollare con 2 maniglie cm.20

 175.00 IVA inclusa.

0 di 5

Pentola in pietra ollare con 2 maniglie cm.20

Disponibile

Confronta

Descrizione prodotto

Pentola in pietra ollare con 2 maniglie cm.20

Pietra ollare
Nei tempi in cui l’artigianato della pietra ollare era fiorente, nelle case dei paesi lungo l’arco alpino, il laveggio (questo era il nome del contenitore di pietra) era l’unica pentola in uso. Le famiglie ne avevano disponibili almeno una serie costituita da tre pezzi: piccola, media e grande. Venivano lavorate scavando a scalpello il blocco di pietra fino a ricavarne la pentola. Il tipo di pietra cosiddetta ollare (dal latino olla) è un serpentino, presente in abbondanza soprattutto in Valtellina. La particolare struttura di questo materiale naturale, ricco di microscopiche intercapedini, permette una straordinaria capacità di mantenere e conservare il calore. Pertanto, pur impiegando molto tempo a scaldarsi, una volta raggiunta la temperatura desiderata, si rivela eccezionale per quelle cotture lunghissime a fiamma molto moderata: dalle zuppe ai brasati, dagli stracotti alla polenta. Tra i vari materiali naturali ha la caratteristica di essere estremamente impermeabile, non necessita quindi di alcuna smaltatura o rivestimento a vantaggio dell’igiene e della salvaguardia dei sapori della tradizione.

I pregi:
– Raggiunge la temperatura molto lentamente ma una volta raggiunta la mantiene con poco calore
– I cibi non si attaccano e mantengono sufficientemente le loro qualità organolettiche
– Mantengono il cibo contenuto all´interno caldo per molto tempo in quanto si raffreddano lentamente

I difetti:
– Naturalmente la pietra è molto pesante per cui anche i contenitori più ridotti sono difficili da maneggiare
– E non essendo di metallo è piuttosto fragile, e quindi soggetto a rotture per colpi violenti
– E Anche eccessivi sbalzi termici potrebbero avere effetti negativi con conseguenti incrinature

Consigli utili:
– Prima di usarlo è consigliabile spalmarlo all¡¦interno con uovo sbattuto e lasciato asciugare per renderlo impermeabile; altrettanto importante è ungerlo con olio grassi dopo di che va lasciato ad impregnarsi per due o tre giorni e infine risciacquato.

Reviews

There are no reviews yet!

Be the first to write a review